Passeggiando sotto le stelle : AD OGNUNO IL PROPRIO INFERNO

Da Plutone al Sole 

“NOI, IL NOSTRO VIAGGIO”

Alla luce di questo 2016 e della nostra Carta Natale

12743968_937879879627546_1806030126469238349_n“Per me si va ne la città dolente,/per me si va ne l’etterno dolore,per me si va tra la perduta gente./Giustizia mosse il mio alto fattore:/fecemi la divina podestate,
la somma sapienza e ’l primo amore./Dinanzi a me non fuor cose create/se non etterne, e io etterno duro./Lasciate ogne speranza, voi ch’intrate”.
Queste parole di colore oscuro/vid’io scritte al sommo d’una porta; /per ch’io: «Maestro, il senso lor m’è duro». /Ed elli a me, come persona accorta:/ «Qui si convien lasciare ogne sospetto;/ogne viltà convien che qui sia morta.
Noi siam venuti al loco ov’i’ t’ho detto/che tu vedrai le genti dolorose c’hanno perduto il ben de l’intelletto».”
(III CANTO -INFERNO)

Non lasciatevi confondere da questa inquietante introduzione, al di là della mia passione per Dante, il significato nascosto in questi versi vuole essere solo di incitamento. Solo nel Fuoco di esso brilla la luce della coscienza. QUESTO WORKSHOP È TUTTO PER VOI. Dietro ogni vita c’è un inferno personale e l’analisi della propria carta natale,in relazione soprattutto ai transiti che incontriamo sulla nostra via ,ci dimostra come sempre ci vengano offerti gli strumenti necessari per comprendere il nostro viaggio e onorarlo. Un progetto esclusivo che appartiene solo a noi. Vi invito a ragionarci su!
“Per me si va ne la città dolente,/per me si va ne l’etterno dolore..” ovvero : senza il coraggio di aprire la porta dell’inferno e incontrare il proprio dolore,non potremo mai raccogliere il frutto della consapevolezza e della conoscenza.
“Lasciate ogne speranza, voi ch’intrate”.”..ovvero: non pensate nemmeno per un attimo di riuscire a comprendere questo viaggio senza affrontare alcun rischio… e neanche che questo si possa fare in poche ore. Noi inizieremo insieme il viaggio, forse troveremo la rotta ..ma al timone ci siete Voi e nessun altro!
Nel mio recente articolo ”Oroscopo esperenziale 2016” ho ben descritto quale significato assume per me questa esperienza ..e l’ipotesi è di intraprenderlo finalmente come si deve! Ovviamente, per chi non l’avesse letto, è assolutamente indispensabile farlo. (cliccate )

fiamme-167519

Si inizia da un porto sicuro: la prima casa/segno, l’ascendente, che ci traghetterà isola per isola attraverso le nostre personali dodici case/segni astrologiche, alla luce dei transiti dei pianeti attuali e in relazione alla propria mappa natale. Resta ovviamente sottinteso che questi possono essere compresi vissuti analizzati solo dietro una attenta conoscenza della .stessa.. e di questo, anche, cercheremo di occuparci, nelle possibilità che il tempo a disposizione ci offrirà. Partiremo proprio da Lucifero-Plutone per risalire fino alla luce del nostro Sole. In un viaggio a ritroso che dovrà condurci verso “l’isola che non c’è!” Ovvero al tesoro nascosto dentro di noi. E per farlo tenteremo strade sconosciute, diverse, nuove per orientare le nostre “vele”. Analizzeremo l’aspetto emotivo/lunare e di quanto il nostro pensiero/mercurio sia strutturato per portare alla coscienza la comprensione. Un viaggio speciale che può essere inquietante e incomprensibile se non viene accolto abbattendo il muro della perplessità,nudi e senza pregiudizio. Sappiate che tutto ha un senso! I pensieri/ accadimenti che ne seguiranno vi restituiranno il personale significato da dare a questa esperienza. In ognuno di noi sono nascosti tutti i dodici segni. Non siamo solo parte di un Sole e parte di un Elemento. Siamo molto di più. In ognuno di noi abita un uomo completo pieno di sfumature e di sfaccettature Ognuno di noi ha un Ascendente, con cui si identifica. Una luna con cui sente . Pianeti intimi e personali che non ci fanno assomigliare a nessun altro: un mercurio con cui pensare e parlare ,una venere con cui relazionarsi e amare, un marte con cui combattere, arrabbiarsi ma anche energizzarsi. E poi c’è lui Giove.. il bicchiere mezzo pieno e Saturno..il bicchiere mezzo vuoto.. e il loro rapporto con i nostri pianeti intimi. Ma siamo anche parte di un progetto più grande, siamo Spiriti del nostro Tempo ,e il nostro bisogno di cambiare dipende proprio da lui ,Urano e da come si interseca con i nostri pianeti intimi e personali… E poi apparteniamo ad un Universo, ad un progetto divino,respiriamo l’Anima Mundi in relazione al nostro Nettuno e come riportare la grandezza del sogno di un mondo perfetto nei nostri giorni lo racconteranno tutti gli aspetti privati ed intimi dei nostri pianeti personali. E poi c’è lui,Plutone, l’istinto di conservazione, le pulsioni primordiali , la capacità di morire e rinascere :la nostra Fenice appartiene a un tempo storico ben preciso..chi siamo noi per contrastare questo immenso potere e come riuscire a farlo? La nostra carta natale in tutti i suoi aspetti ci dirà che livello di consapevolezza abbiamo raggiunto in relazione al nostro tempo e al nostro destino.
Se avete compreso, se siete pronti e pieni di domande ,vi aspetto per questo straordinario viaggio: Ammainate le vele!
Gli OBIETTIVI che ci prefisseremo da un punto di vista oggettivo e strettamente astrologico sono senz’altro due:
1-IMPARARE A GESTIRE IL PROPRIO OROSCOPO,
2-COMPRENDERE I TRANSITI E IMPARARE A INTERPRETARLI
12190806_878267682255433_1183321113601243031_nIl workshop si terrà il 5 e 6 marzo nei locali del Cantiere Teatrale, Circonvallazione Gianicolense 307, 00152 Roma
Sabato 5 dalle 14.00 alle 19.00
Domenica 6 dalle 11.00 alle 19.00
Per prenotazioni
scrivere su : astriecontrasti@gmail.com
telefonare ore studio : 392 7526886
P.S.
Chi vuole garantirsi la lettura della propria carta attraverso i transiti di questo 2016 ,dovrà prenotarsi in tempo utile perché solo a pochi e ai primi potrò dare questa opportunità. Per ragioni di tempo.
Rimango a disposizione sempre e comunque per affrontare questo viaggio personale anche INDIVIDUALMENTE . Per tutti coloro che volessero avventurarsi in un interpretazione esperenziale della propria carta natale. In un momento diverso ovviamente! E solo dietro appuntamento.
scrivere su : astriecontrasti@gmail.com
telefonare ore studio : 392 7526886

Vi aspetto per crescere insieme
Nunzy Conti

Astri e Contrasti è su YouTube

Bisogna metterci la faccia!!!!!!

IMG_0611Vi aspetto su YouTube per chiacchierare studiare e incontrarci ogni volta che volete..
Siamo agli inizi.. ma a breve troverete molti altri video pubblicati..ho intenzione di esserci a lungo e di portarvi sempre più in alto…… seguitemiii

“Cammineremo” insieme un astrologia chiara semplice essenziale ma efficace nella rivelazione..sia per chi studia ..sia per chi vuole incontrarsi conoscersi e non farsi truffare da falsi     egocentrici”guru”!

ma prima di qualsiasi cosa è fondamentale che voi ascoltiate e fate vostra

L’etica del Buon Astrologo

…. la migliore qualità di ogni essere umano..
“Insegnate agli altri a chiedere, aiutate i principianti, consigliate quelli che vogliono seguire i vostri passi. Questo è il vostro regalo al mondo” (Etica dell’Astrologo)

Difendetevi difentetevi difendetevi…
“Nessuno può convincere un altro a cambiare. Ciascuno di noi è custode di un cancello che può essere aperto soltanto dall’interno. Noi non possiamo aprire il cancello di un altro, né con la ragione né con il sentimento.” (Marylin Ferguson)

Pe4r una lettura di piuù approfondita dell’Etica del Buon Astrologo vi consiglio di cliccare su

IMPARIAMO AD INTERPRETARE

zodiacSeguiteci sul canale you tube di Astri e Contrasti!!!!
Vi aspetto.. Viandanti astrologici!!!!!

URANIDE LA CITTÀ DEL RISVEGLIO

uranus2

« Due strade divergevano in un bosco, ed io
—Io presi quella meno battuta,
E questo ha fatto tutta la differenza »
(Robert Frost, The Road Not Taken, 1916)

A quel bivio vogliamo incontrarvi….per  camminare insieme verso il risveglio

“Come posso mettere insieme in un’immagine coerente i pezzi della mia vita? Come posso rintracciare la trama di fondo della mia storia?Il corso della tua vita è stato descritto al futuro anteriore.

“Per scoprire l’immagine innata dobbiamo accantonare gli schemi psicologi generalmente usati – e per lo più usurati. Essi non rivelano abbastanza. Rifilano le vite per adattarle allo schema: crescita come sviluppo, una fase dopo l’altra, dall’infanzia attraverso una giovinezza tormentata fino alla crisi della mezza età e alla vecchiaia, e infine alla morte. Mentre procedi, un passo dopo l’altro, attraverso una mappa già tutta disegnata, ti ritrovi su un itinerario che ti dice dove sei stato prima ancora che tu ci sia arrivato, o nella media di una statistica calcolata da un attuario per conto di una compagnia di assicurazioni. Il corso della tua vita è stato descritto al futuro anteriore.”

“Oppure, invece della prevedibile autostrada, sarà il “viaggio” fuori dagli itinerari battuti, in cui si accumulano e si scartano episodi senza un disegno, e gli eventi sono frantumati come in un curriculum vitae organizzato esclusivamente sulla base della cronologia: prima ho fatto Questo, poi Quest’altro. Una vita simile è come una narrazione priva di trama, tutta imperniata su una figura centrale sempre più tediosa, “io… io… io”, che vagola nel deserto dei “vissuti” senza più linfa.”

(James Hillman, Il codice dell’anima)

“Nel mezzo del cammin di nostra vita/mi ritrovai per una selva oscura/ché la diritta via era smarrita./Ahi quanto a dir qual era è cosa dura/esta selva selvaggia e aspra e forte/che nel pensier rinova la paura!” (Inferno,Canto I-)
Dante “nel mezzo del cammin della sua vita” si ritrova, senza sapere come, “in una selva selvaggia ed aspra e forte”, ma proprio in essa egli trova un bene. Infatti, errando in quella selva giunge ai piedi di un colle, guarda verso l’alto e vede che esso è illuminato dal Sole. In questa semplice allegoria viene simboleggiata in rapida sintesi tutto ciò che riguarda le prime fasi dello sviluppo spirituale. La selva selvaggia rappresenta non solo..la vita viziosa dell’uomo ordinario, ma anche, e soprattutto, lo stato speciale di disagio, di sofferenza acuta, di tenebra interiore che suole precedere il risveglio spirituale.(R.Assagioli)

PERCHÈ URANIDE LA CITTÀ DEL RISVEGLIO?

iuuuuuex


In Astrologia “LA CHIAMATA, IL RISVEGLIO sono scanditi da tempi precisi in linea con i transiti di Urano sul Sole e sulla Luna.  Urano ,colui che risveglia il Dormiente, la coscienza intorpidita dal sovrapporsi di cliché comportamentali acquisiti che ci impediscono di vedere il nostro vero cammino.. ma quando l’Anima chiama il Maestro risponde.. E Urano rappresenta il passaggio obbligato che ognuno di noi deve fare quando la coscienza per andare avanti ha bisogno di nuove informazioni che arrivino dai contenuti dell’inconscio. Irrompe nello status quo creato da Saturno, soprattutto quando la nostra vita non è in linea con la nostra AUTENTICITÀ. Si potrebbe definire la PORTA DELL’INCONSCIO. Nel progetto dell’IO, Saturno rappresenta la “barriera del super-io” che impedisce per tutto il tempo

Continua a leggere

ASTROSALOTTO

AVVISO AI NAVIGANTI

Abbiamo aperto il nuovo salotto

Salotto Astrologico 8

URANOSS

Ventata Uraniana in questa estate caldissima

Apriamo questo nuovo salotto con  transiti decisamente invitanti

17 LUGLIO 2015

chartwheel.phpPer accedere cliccate su SALOTTO ASTROLOGICO 8

Vi aspetto vecchi e nuovi per chiacchierare in civiltà e buon umore

e soprattutto in questa calda estate

“appassionati e innamorati sempre  più”

VOGLIO DEDICARE QUESTA PAGINA ALL’AMORE E AL CUORE

dunque

VENERE

SARÀ NOSTRA OSPITE

venereQUESTA VITA CI STA PERDENDO DIETRO LA FRETTA E LA TECNOLOGIA IMPERANTE

RIPRENDIAMOCI IL NOSTRO TEMPO E UN PÒ DI SANA E ROBUSTA TRADIZIONE

(il mio buono e adorato SATURNO ci invita a non perderci)

VI ASPETTO

Per l’archivio annessi e connessi riferitevi alla pagina

ASTROSALOTTO

Astrologia: libertà “vo” cercando…

tumblr_lwpfheKN5E1r7r8a0o1_500_large

Coinvolta e, onestamente profondamente annoiata, mio malgrado in beghe aride e urticanti da dotti sapienti esperti e tenutari di  verità assolute(poveri loro io non vorrei tale responsabilità),l’Astrologia diviene vittima delle circostanze districandosi in una Realtà che non le appartiene ma che costringe noi poveri Amanti ad una guerra per difendere l’Onore dell’Amata.Dunque memore dell’ esuberanza delle mie affermazioni…e “ereticamente” convinta (sarà il mio sole undicesima!) che la Libertà di pensiero vada sempre e comunque salvaguardata..anche a scapito della vita stessa..inizio a riflettere..e penso fra me e me (non troppo) che sia il caso di scriverci su qualcosa..:

L’ inizio appare subito poco rassicurante (chi mi conosce sa)..

“Innoridisco sempre di fronte ai sapientoni che hanno la presuzione della verità…Viva la libertà d’espressione…Viva l’educazione…Viva i dubbi e l’umiltà che ho sempre incontrato nel Cuore dei Grandi…sono loro che fanno la storia. Agli altri lasciamo generosamente l’ illusione di credere nella loro sapiente e dotta verità.”…..

Meno male che a tal proposito.. l’amica Grazia Bordoni aveva già riflettuto con un articolo pubblicato recentemente sul suo sito: www.graziaepaolo.it… e con la forza dell’Ironia unita alla  Grazia che la contraddistinguono..è riuscita efficacemente a tradurre il mio pensiero.Grazie_Zia!!

 E’ rivolto a Voi pensatori liberi, ma anche a voi  giovani menti(di cui ho molta cura), facilmente manovrabili. ..dai grandi sapienti.Voi che amate l’astrologia così come la amiamo noi  imparate a togliere il disincanto ad ogni Onnipotente Disciplina imparando a pensare con la vostra testa e allontanando chiunque  tenti di offendere la vostra Intelligenza!!

LIBERTA’ VA CERCANDO

come sa chi per lei vita rifiuta

Purgatorio, I. vv. 71-72

libertà snoopy

Mai come in questo momento apprezzo la scelta di libertà fatta a suo tempo nel mio amore per l’astrologia: libertà da ogni schema e soprattutto libertà da ogni scuola. Scuola di pensiero, intendo.

Non che le scuole non siano utili: ti permettono di apprendere in modo schematico, efficace, i fondamenti della materia. Ma poi bisogna andare oltre, trovare la propria strada: se incontri il Buddha per la strada, uccidilo. Bisogna uccidere – solo metaforicamente, per carità – tutti i maestri e trovare la propria dimensione. Ho sempre detto e ne sono sempre convinta che per un vero Maestro non c’è gioia più grande di vedere che l’allievo lo supera, spicca il volo e va per la sua strada. Chi vuole degli allievi a vita, vuole, in realtà, dei sudditi. Perché è convinto che la sua sia l’unica verità possibile e dunque debba essere predicata per ogni dove.

L’adesione acritica a una qualsiasi scuola di pensiero (in astrologia come in qualsiasi altra disciplina) porta al fanatismo, all’integralismo. I talebani fanno un sacco di danni, come ben sappiamo.

Di recente un tale in un gruppo ha scritto un post dove definisce Chirone una castroneria, patetico l’aspetto di 150° e un’aberrazione qualunque concetto non allineato ai dogmi della sua scuola. E’ scoppiato un finimondo: gli stessi compagni di scuola l’hanno redarguito. Qualcuno ha cercato di spiegargli perché non ci si può esprimere in questo modo, ma niente da fare: il tizio proprio non è in grado di capire. E non perché sia

Continua a leggere

Passeggiando sotto le stelle presenta: EMOZIONI:Luna,cibo per l’Anima

“AL NOSTRO CUORE RIMANE SOLO IL CORAGGIO DI FARE LE PROPRIE SCELTE”

(Hilmann)

“Vuoi sapere qual è la verità sul tuo conto? Sei una fifona, non hai un briciolo di coraggio, neanche quello semplice e istintivo di riconoscere che a questo mondo ci si innamora, che si deve appartenere a qualcuno, perché questa è la sola maniera di poter essere felici. Tu ti consideri uno spirito libero, un essere selvaggio e temi che qualcuno voglia rinchiuderti in una gabbia. E sai che ti dico? Che la gabbia te la sei già costruita con le tue mani ed è una gabbia dalla quale non uscirai, in qualunque parte del mondo tu cerchi di fuggire, perché non importa dove tu corra, finirai sempre per imbatterti in te stessa.” (Colazione da Tiffany)
Ah quante volte abbiamo visto questo Film ! Quante volte ci siamo immedesimati in quelle scene!Quante volte abbiamo avuto paura di assomigliare a quel sordo dolore per amore che porta alla fuga totale..o per contraltare all’abnegazione radicale!!! In ognuno di noi c’è un patrimonio emotivo che deve crescere svilupparsi diventare “adulto” attraverso l’esperienza quotidiana di vivere il proprio cuore a 360 gradi.
“Le emozioni sono informazioni che arrivano sotto forma di sostanze chimiche.Ad ogni emozione corrisponde un neurotrasmettitore,una molecola di sostanza chimica. Nel nostro corpo, sulle nostre cellule sono posizionati determinatii recettori che si piazzano sulle membrane cellulari. Ogni recettore può ricevere un solo tipo di neurotrasmettitore.Sono collegati come una serratura e una chiave.” Tutto il nostro mondo emotivo dunque agisce sul nostro sangue e se ci pensiamo la parola EMOZIONE,significa proprio AGIRE SUL SANGUE(emo-agere)“Agire sulla Fiamma viva ,agire il nostro Marte. Questo è estremamente importante per comprendere appieno l’importanza della NOSTRA Luna e quanto sia fondamentale e indispensabile ,per la nostra salute sia fisica che psicologica far funzionare l’intera gamma delle nostre emozioni. Per questo siamo chiamati a capire insieme una volta per tutte quanto male possiamo farci se non incontriamo con l’umiltà del cuore i nostri blocchi irrisolti sospesi incompresi problemi emotivi.
Esiste dunque nel nostro corpo un sistema bio-chimico che naviga nell’acqua e che astrologicamente noi facciamo corrispondere alla Luna,madre delle nostre Emozioni. Ma esiste anche un sistema nervoso basato sulle sinapsi collegato al sistema mercuriale che gestisce le informazioni mettendo in comunicazione l’apparato centrale con tutta la nostra parte periferica, ramificandosi anche nella nostra psiche. Sarà proprio Mercurio che trasmetterà  Continua a leggere

UN 2015 PIENO D’AMORE

BUON ANNO A TUTTI VOI COMPAGNI CHE SIATE FUOCO ARIA TERRA E ACQUA.. VI AUGURO UN INIZIO PIENO D’AMORE…PERCHÈ SOLO QUESTO CONTA !

 

astro_2gw_01_fine_anno.62278.36769PER UN ANNO PIENO DI ENTUSIASMO, AUGURI DA ASTRI E CONTRASTI A TUTTI VOI,AMANTI ASTROLOGICI E COMPAGNI DI VIAGGIO

Mentre aspettate il mio oroscopo del 2015…vi lascio un pensiero su cui riflettere a mezzanotte…diamoci da fare..tutti!! Sarà un anno interessantissimo e pieno di incognite.
L’ingresso di saturno in sagittario e la presenza di giove in leone ci garantiscono un anno dove rigore e ottimismo viaggiano verso una risoluzione. Molti i segni coinvolti che dovranno riuscire a trovare una ragione in più per risolvere molte dinamiche sospese da anni, la quadratura di Plutone in capricorno e Urano in ariete fa da bilancia per il controllo di ogni operazione. Dovremo darci molto da fare per trarre il massimo vantaggio da questi passaggi planetari estremamente eficaci per chi saprà approfittarne. L’unico neo..non è tollerata alcuna pigrizia! Il trigono che si sfiorerà per tutto l’anno fra urano saturno e giove getterà le basi per partorire qualcosa di nuovo una sorta di fucina dove si creeranno i presupposti di un buon risultato i cui frutti si assaporeranno nel 2016 quando saturno e urano saranno in sinergia totale.. Invece per il mondo emozionale ci saranno grandi sbalzi d umore . Si cementeranno solo quelle emozioni vere e autentiche;di fatto la quadratura di saturno al binomio indissolubile che formano nettuno e chirone in pesci getterà le basi per una più “radicale” spiritualità perchè è proprio nella tensione massima che si creerà che cercheremo di capire cosa ci spinge veramente a “sentire” l’umanità intera come unica realtà, anche se Saturno in sagittario porterà in se una sorta di dogma a cui corrispondere e se è pur vero che la storia insegna, va analizzato questo passaggio con molta umiltà perchè il conflitto tra saturno e nettuno riesca a suggerire attraverso la norma e la regola un buon pasaggio verso una maggiore spiritualità senza confini ne religioni.

ANALISI TEMI NATALI PERSONAGGI FAMOSI

A caccia di Menti astrologiche Originali,MERCURIO E IL VASO DI PANDORA

Un’ opportunità per tutti voi: scegliete un personaggio ,fate un analisi astrologica ,spedite i contenuti a:

astriecontrasti@gmail.com e le migliori saranno pubblicate .

IMG_1194

Questa sezione vuole essere dedicata all’analisi della carta natale di personaggi di spicco di ogni tempo e di ogni settore.
All’introduzione da me presentata sono graditi i vostri commenti e le vostre considerazioni per ulteriormente migliorare e arricchire le sfumature e i colori di ogni personaggio da me presentato.

E per meglio interagire con voi e proporre nuove menti astrologiche apro ufficialmente oggi la possibilità di inserire i vostri studi su qualsiasi tema natale deciderete di affrontare,e previa una mia supervisione potrete vedere pubblicati i vostri lavori.

foglia-arietefoglia-torofoglia-gemellifoglia-cancrofoglia-leonefoglia-verginefoglia-bilanciafoglia-scorpionefoglia-sagittariofoglia-capricornofoglia-acquariofoglia-pesci

Buon lavoro a tutti.
Nunzy Conti

Il Matto, signore dell’ Interregno

Apriamo oggi una nuova rubrica per voi, amanti dei TAROCCHI nel loro significato più aulico:”GLI ARCHITETTI DELL’ANIMA

piccola architetto

Illustrazione di Marilina Ricciardi

Come primo appuntamento vi sottopongo  un interessante articolo di Pio del Guercio, fine conoscitore e abile interprete di questo fantastico mezzo. Buona lettura!!

IL MATTO

Signore dell’Interregno

Tarocchi-Spirale Mistica-Il-Matto  Mazzo di Giovanni Pelosini

Spirale Mistica-Il-Matto. Giovanni Pelosini

Il significato che, generalmente si attribuisce a questo tarocco, ci parla di: non gestibilità della propria vita, imprevedibilità, stravaganza, irrazionalità e ansia. Il tutto può essere riassunto nella parola caos. Situazioni esterne, caotiche, che creano confusione interiore. Insomma possiamo dire che, in una stesa, questo arcano, non ci parla di un periodo facile della nostra vita. Ma se è vero, ed in effetti lo è, che non tutti i mali vengono per nuocere, vediamo in che modo tutto questo ci può aiutare e come mai questo aiuto ci può venire da una lama, che tanta fiducia, potrebbe non ispirare. Facendo un viaggio a ritroso nel tempo, vediamo che il matto non è altro che un antico antenato dell’attuale jolly, che per altro, viene chiamata anche, matta. Il jolly, non ha un suo valore, ne appartiene a nessuno dei quattro semi, di conseguenza anche a questa carta, come al matto, gli si può tranquillamente attribuire il numero zero. Se mettiamo a confronto il matto dei tarocchi svizzeri con l’attuale matta, la discendenza,della seconda, dalla prima è molto più evidente, tanto da poterle confondere. L’attuale matta dà la possibilità, al giocatore di poterla sostituire con qualsiasi altra carta, dandole il valore che più gli è utile nel gioco, ovviamente, offrendogli una possibilità in più, rispetto all’avversario che dovesse esserne sfornito. Il jolly, joker o matta, ufficialmente, compare nella seconda metà del xix secolo in America, col nome di juker che, in tedesco, vuol dire ragazzo. Ora cerchiamo di capire come mai le fu data questa valenza positiva, di aiuto che un po’ stride rispetto ai significati che in genere si attribuiscono al matto dei tarocchi. Nell’antichità, esprimere le proprie idee liberamente, poteva costare addirittura la vita. La pazzia dava una specie di immunità da questo, ed ecco che, in quel caso, era positiva. Ricordiamo anche, che per alcune civiltà antiche tutti gli stati alterati della realtà, dal sonno alla follia, venivano considerati come tramiti che mettevano in contatto con la divinità. Sarà stato questo il motivo? Potrebbe essere… Ma vediamo anche che valenza positiva, il matto, può avere in una stesa. Personalmente, questa carta, la chiamo, del 50% . Infatti, nel caos delle situazioni o degli stati d’animo di cui ci parla, è possibile, a seconda di come ci muoviamo, di trovare un nuovo ordine e ribaltare in positivo la situazione o farla precipitare,quindi le possibilità sono giusto al 50%. Del resto, è dal caos primordiale, che è nato l’universo in cui siamo immersi. Ora che si può guardare con più tranquillità a questa carta voglio provare ad ampliare il significato di questa lama ed andare a esplorare oltre ciò che conosciamo. Certo c’è un po’ di presunzione in questo, visto che anche ciò che conosciamo ha diversi punti oscuri ma ci provo comunque, visto che mi piace credere nella teoria della reincarnazione e nel destino prescelto dall’individuo prima della incarnazione e ho provato a capire in che modo sia stata lasciata traccia nella simbologia dei Tarocchi da quella antica e sconosciuta saggezza. Sicuramente l’estensione di questa lama come delle altre 21 è quasi infinita, visto che, con così pochi simboli, tentiamo di affrontare gli innumerevoli aspetti della vita ed io, non ho certo semplificato il tutto nel tentativo di andare anche oltre questa ma visto che credo che le scelte semplici alla fine non ci portano lontano ci provo comunque. Torniamo all’ ipotesi che scegliamo personalmente il percorso dell’esperienza da incarnati. Proviamo ad immaginare, in funzione di questa teoria, la fine dell’attuale percorso, possiamo credere che dovremo affrontare un certo tempo nell’analizzare, valutando da un diverso punto di vista, a cosa ci ha portato l’appena terminata esperienza e cosa abbiamo compreso e quali altre cose dobbiamo imparare, quali nodi sciogliere per raggiungere la meta finale… beh!! quale possa essere non lo so proprio anche se ho una mia teoria ma almeno questa, per il momento la tengo per me. Di certo liberi dell’ingombrante e pretenzioso involucro materiale, c’è la possibilità che tutto appaia sotto una luce completamente diversa. Sicuramente ci dovremmo rendere conto che spessissimo abbiamo prestato più attenzione a ciò che il nostro corpo, con forza pretendeva e di come abbiamo finalizzato il tutto nell’ impaziente fretta che il breve spazio della vita impone, ignorando un po’ troppo spesso i bisbigli di quel corpo sottile così discreto da far dimenticare molto, se non troppo, anche la sua presenza ma chè è quello che c’era, c’è e ci sarà a dipetto dell’altro che è diventato cenere o è rientrato come cibo per vermi, nel naturale ciclo della madre terra. Credo che nella migliore delle ipotesi ci sentiremo un tantinello stupidini nello stesso modo in cui ci saremmo occupati di rattoppare un vestito sempre più lacero trascurando il corpo che riveste. Personalmente quando cerco di pensarmi in quel momento mi lascio vincere da qualche momento di disperazione, per quanto non mi considero pessimo so anche di non essere ottimo, come la gran stragrande maggioranza degli individui ma poi riesco anche ad assolvermi, solo in parte, pensando che in fondo, se sono qui, ho ancora tanto da imparare e non potevo comportarmi diversamente. Se questa mia ipotesi, condivisa anche da altri, fosse realtà il caos in noi sarà inevitabile, ciò che sembrava giusto ed inevitabile sembrerà il contrario e viceversa. Insomma saremo costretti a rivedere tutto sotto una nuova prospettiva e non è difficile credere, che per recuperare il perso e migliorare saremo anche disposti a sottoporci a nuove e anche più difficili prove di quelle appena superate. Le trovavamo ingiuste, quante volte abbiamo detto “ ma che male o fatto per meritare questo” o anche “ perchè proprio a me” ma la visione dell’insieme ci renderà impossibile pensare diversamente, troppo alto il premio e nessun sacrificio sarà considerato troppo gravoso e non seconda come sensazione l’icredulità nell’essere stati tanto cechi da non vedere ciò che in quel momento sembrerà più che lampante.In fondo non è questa la sensazione che proviamo quando incrollabili convinzioni vengono meno? Un amore che ci tradisce o semplicemente finisce, un amicizia in cui credevamo che viene meno, il lavoro in cui avevamo messo tutte le prospettive del futuro si perde, un bene materiale tanto faticosamente guadagnato e desiderato svanisce nel nulla ed altre situazioni simili. Sgomento, incredulità, paura e tanta tanta confusione. Insomma la gran maggioranza di ciò che possiamo vedere espresso, oltre il resto, nella lama zero, il Matto. Sarà sempre personale il modo di affrontare superare o no questa situazione e in quanto tempo ma per tutti sarà come vivere un interregno dal quale acquisiremo un nuovo e del tutto personale modo per affrontare il futuro, avendo acquisito nuovi elementi per farlo. Quegli elementi che mi piace pensare che il matto porti nel fagottino legato al bastone in spalla mentre intraprende l’avventura di un nuovo viaggio alla conquista di una nuova meta.

In virtù di tutto questo e nella speranza che non verrò prima sottoposto a un TSO, mi sento di poter dare al Matto il titolo di signore dell’interregno e a pieno titolo avendone tutte le caratteristiche per esserlo.

by Pio Del Guercio-Tutti i diritti sono riservati