Le dodici fatiche di Ercole

Le dodici fatiche simboleggiano il passaggio del Sole attraverso le 12 case dello zodiaco.

pollaiolo-pollaiolo-ercole-e-anteo-1475-firenze-uffizi.jpg
pollaiolo-ercole-e-anteo-1475-firenze-uffizi
Numerose sono le leggende religiose che hanno Ercole come protagonista. Figlio di Zeus, la madre di Ercole era la fanciulla Alcmena, che rimase vergine anche dopo il concepimento; ebbe in moglie Deianira; ella gli invierà, tramite l’amico Lica, la camicia tinta del sangue infetto del centauro Nesso, che lo avvelenerà portandolo alla morte, finirà bruciato sul rogo nella pelle del leone Nemeo
Deceduto nel solstizio di primavera, mentre moriva il sole si oscuro’.
Subito dopo la morte sarebbe disceso nell’Ade, e poi resuscitato dal padre Zeus. Successivamente ascese all’Olimpo degli Dei, diventando da uomo, dio. Nell’Olimpo sposò Ebe, dea della giovinezza.
Come per il dio sole, la sua nascita era celebrata il 25 dicembre.
L’ordine tradizionale delle fatiche è riportato da Apollodoro (2.5.1-2.5.12):

* I – Uccidere il Leone di Nemea, invulnerabile.
* II – Uccidere l’Idra di Lerna.
* III – Catturare il cinghiale di Erimanto.
* IV – Catturare la Cerva di Cerinea.
* V – Disperdere gli uccelli del lago Stinfalo.
* VI – Ripulire in un giorno le Stalle di Augia.
* VII – Catturare il Toro di Creta.
* VIII – Rubare le cavalle di Diomede.
* IX – Impossessarsi della cintura di Ippolita, regina delle Amazzoni.
* X – Rubare i buoi di Gerione.
* XI – Rubare i pomi d’oro del giardino delle Esperidi.
* XII –Catturare il cane Cerbero nell’ade

Sul sentiero dell’auto-coscienza il carattere e la natura di Ercole vengono
messi alla prova, finché le qualità che caratterizzano la sua materialità
vengono trasmutate rivelando l’anima. E questo fa di lui, come d’ogni
iniziato, un semidio.

Il Dolore nasce dalla competizione tra l’altruismo dell’anima e
l’avidità della coscienza materiale.
L’equilibrio,infine,nasce dalla vittoria sulle pulsioni inferiori che rendono l’iniziato capace
di sacrificarsi al bene comune, attraverso l’uso intelligente della propria
volontà.Ciò lo rende un servitore benefico ed una fonte di inesauribile creatività.

(Athos Altomonte)

Per un approfondimento della storia
http://www.storia.unina.it/perfez/eracle/12%20fatiche.htm

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...